4 Agosto, 2021
HomeNewsCaso Schwazer, il neoeletto Presidente della FIDAL Stefano Mei attacca la WADA

Caso Schwazer, il neoeletto Presidente della FIDAL Stefano Mei attacca la WADA

Il neoeletto Presidente della FIDAL Stefano Mei si schiera a fianco di Alex Schwazer, e chiede chiarezza all’organo di Giustizia Sportiva. La sentenza del tribunale di Bolzano non solo  afferma chiaramente l’estraneità dell’atleta italiano ai fatti, ma dice chiaramente che Schwazer è stato vittima di un complotto. “La condanna sportiva per i fatti del 2016, inflitta ad un atleta che avrebbe inteso riabilitarsi sul campo, è da mettere in discussione”.La lettura degli atti – continua Mei –  potrà dare a tutti consapevolezza in ordine a quanto il giudice abbia concluso , personalmente, affrontata la lettura, ho maturato la convinzione che la vicenda della seconda positività di Schwazer poggi le sue basi su fatti e circostanze prive della doverosa consistenza”. Per il numero uno della FIDAL l’obbligo di un intervento risolutivo della vicenda da parte della WADA, visto la chiara estraneità ai fatti di Schwazer , è un atto dovuto nei confronti di tutto il movimento sportivo:  la chiarezza definitiva sul caso penso sia dovuta non solo all’atleta, ma a tutto il nostro movimento. Il mio auspicio è che questa storia dolorosa, anche per la Federazione, possa essere ricondotta su binari di equilibrio e correttezza e che ciò che oggi è nell’ombra possa venire alla luce”.

 

Rispondi

Commenti Recenti

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi