1 Dicembre, 2021
HomeSportRiaperture palestre ed impianti indoor, restrizioni e regole da rispettare

Riaperture palestre ed impianti indoor, restrizioni e regole da rispettare

Il Comitato tecnico scientifico ha dato il via libera alle regole proposte dal ministero dello Sport e ha stabilito che i primi a ripartire saranno gli sport individuali, seguiti da quelli di squadra e, successivamente, da quelli di contatto.

Come da accordo tra ministero e Cts, gli impianti resteranno chiusi in zona rossa, mentre in zona arancione, “oltre alle attività consentite nelle aree ‘zona rossa’ (sport individuali all’aperto, ndr), sono consentite nelle palestre, piscine e tensostrutture le attività sportive di base individuali, anche acquatiche, e le attività sportive dilettantistiche non di squadra o di contatto; sono inoltre consentiti gli allenamenti per le attività sportive di contatto e per gli sport di squadra esclusivamente se svolti in forma individuale, nel rispetto del distanziamento e del divieto di assembramento. Consentite le attività sportive e di danza indirizzata ai bambini in età scolare, in coerenza con l’apertura delle scuole”. Nelle regioni in zona gialla, al momento l’area preponderante del Paese, saranno consentiti anche “gli allenamenti per gli sport da contatto e di squadra dilettantistico e di base”.

Il protocollo approvato dal Comitato tecnico scientifico prevede che si mantenga sempre una distanza interpersonale “adeguata all’intensità dell’attività fisica e comunque non inferiore a 2 metri”. Per le piscine è stato stabilito che ogni persona debba avere a disposizione 10 metri quadrati per nuotare. In caso di manifestazioni sportive che prevedano una premiazione, invece, il Cts chiede che siano coinvolte solo le persone strettamente necessarie (no ad ospiti, autorità, ecc.) e che “i premi devono essere sanificati, sistemati su una piattaforma e presi direttamente dagli atleti”.

Fondamentale anche la sanificazione di attrezzi e materiali “dopo ogni utilizzo da parte dell’utente con opportuno prodotto igienizzante”, il divieto di utilizzare le docce e l’obbligo per gli operatori di indossare correttamente la mascherina, oltre a una serie di prescrizioni individuali come il riporre gli indumenti utilizzati per l’attività fisica in borse personali, non lasciarli in luoghi condivisi e lavarli separatamente, bere da bicchieri o bottiglie monouso o personalizzate, gettare fazzolettini di carta in appositi contenitori, utilizzare tappetini propri (quando possibile) o igienizzarli prima e dopo l’utilizzo (se condivisi). Importante anche il tema del gel disinfettante da rendere disponibile in maniera diffusa per gli utilizzatori dell’impianto e “calibrato non solo in base alla superficie ma anche in funzione del numero di potenziali utenti che potrebbero utilizzarlo.

Rispondi

Commenti Recenti

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi