11 Maggio, 2021
Home Sport Ciclismo Tirreno - Adriatico (2.UWT), Stage 4: Pogacar vince a Prati di Tivo...

Tirreno – Adriatico (2.UWT), Stage 4: Pogacar vince a Prati di Tivo ed è il nuovo leader della corsa

Il vincitore del Tour de France 2020 spiana la salita di Prati di Tivo e si aggiudica con merito la quarta tappa della Corsa dei Due Mari balzando in testa alla classifica generale

 

 

Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) vince la quarta tappa della Tirreno – Adriatico (2.UWT) che prevedeva l’arrivo in salita a Prati di Tivo; il ciclismo sloveno è il nuovo leader della corsa.

Quintetto all’attacco formato da Mattia Bais (Androni Giocattoli – Sidermec) e Mads Würtz Schmidt (Israel Start – Up Nation), Emil Vinjebo (Team Qhubeka ASSOS) e Benjamin Thomas (Groupama – FDJ) e Marco Canola (GazProm – RuSvelo); vantaggio massimo che supera di poco i cinque minuti con Schmidt che scollina per primo sul Passo delle Capannelle.

Il gruppo è tirato dalla Bahrain – Victorious ma appen ainizia la salita è l’INEOS Grenadiers ad imprimere un ritmo altissimo; nel frattempo in testa alla corsa resta il solito Schmidt che stacca il resto della compagnia.

A sette km dall’arrivo il primo a muoversi è Egan Bernal che viene seguito subito da Pogacar; Wout van Aert (Team Jumbo – Visma) resta da solo me è bravo a rintuzzare l’attacco del colombiano. Neanche il tempo di rifiatare che parte Geraint Thomas che con una bella pedalata prendo un pò di margine.

A 5700 metri dall’arrivo Pogacar attacca sul tratto più duro della salita e in poche pedalate riprende il britannico resiste proprio 1 km prima che Tadej resti da solo; dal gruppo si muovono Simon Yates (Team BikeExchange), Mikel Landa e Nairo Quintana (Team Arkéa Samsic) che tuttavia non riescono a tenere il passo del britannico che negli ultimi chilometri si avvicina molto allo sloveno senza però riuscire nell’aggancio.

Nulla da fare per Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step) e Vincenzo Nibali (Trek – Segafredo) che non riescono a tenere il ritmo del gruppo dei migliori.

Pogacar polverizza il record di scalata che deteneva Chris Froome di ben 2’16” fermando il cronometro a 36’06”; Yates si deve accontentare del secondo posto con Sergio Higuita (EF Education – Nippo) che si piazza in terza posizione proprio davanti a Landa. Van Aert taglia il traguardo in nona posizione difendendosi alla grande.

Migliore degli azzurri Matteo Fabbro (BORA – hansgrohe) che doveva lavorare per Patrick Konrad ma che alla fine si è giocato benissimo le sue carte; Nibali migliora il suo tempo di scalata di un minuto preciso ma oggi si piazza sedicesimo insieme a Damiano Caruso con un ritardo 1’27”.

Rispondi

Commenti Recenti

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi