5 Febbraio, 2023
HomeSportCiclismoVuelta a San Juan (2.Pro), Tappa 2: Fabio Jakobsen vince a Jachal...

Vuelta a San Juan (2.Pro), Tappa 2: Fabio Jakobsen vince a Jachal davanti a Gaviria e Aberasturi

Jakobsen vince una volata tiratissima sul traguardo di Jachal. Battuti Gaviria e Aberasturi. Bennett si conferma leader della corsa

Il campione europeo in carica Fabio Jakobsen (Soudal – Quick Step) vince la seconda tappa della Vuelta a San Juan (2.Pro) battendo in volata, sull’arrivo di Jachal, un sorprendente Fernando Gaviria (Team Movistar) e Jon Aberasturi (Trek – Segafredo); per l’olandese si tratta della trentanovesima vittoria in carriera. In classifica generale Sam Bennett (BORA – hansgrohe) resta leader solo per una questione di piazzamenti favorevoli nei confronti del velocista di Jakobsen.

Dopo la vittoria di ieri di Bennett il gruppo è ripartito da Villa San Agustin con destinazione Jachal in quella che è la frazione più lunga di questa edizione con i suoi 201,1 km.

Servono ben 50 km di corsa affinché il gruppo da il via libera alla fuga di giornata composta da Alessandro Santaromita (GreenProject – Bardiani CSF – Faizanè), Stefano Gandin (Team Corratec), Tomas Contte (Aviludo – Louletano – Loulè Concelho), Marcos Omar Mendez (Argentina), José Martin Reyes e Leandro Javier Velardez (Muncipalidad de Pocito), Leandro Carlos Messineo (Chimbas Te Quiero), Gerardo Matias Tivani e Wladimir Estefano Martinez (Agrupacion Virgen de Fatima – San Juan Biker Motos), Oscar Sevilla (Team Medellin – EPM), Nixon Efrain Rosero (Team Banco Guayaquil – Ecuador) e José Luis Rodriguez (Cile).

A transitare in cima all’unico GPM di giornata il lunghissimo Ruta Nacional 150 è Contte davanti a Mendez e Gandin; al km 152 la fuga arriva al traguardo volante Puente Huaco con Tivani che precede Sevilla e lo stesso Contte. A 30 km dall’arrivo la fuga perde pezzi e in testa alla corsa rimangono il solito Contte, Messineo, Tivani, Sevilla e Rodriguez che hanno un vantaggio sul gruppo tirato dalla Soudal – Quick Step di due minuti.

A sei chilometri dall’arrivo, con la fuga neutralizzata, a provarci è Michele Tarozzi ma il gruppo è sempre li e chiude sull’azzurro a 4000 metri da traguardo di Jachal con Remco Evenepoel che si mette in testa per portare nella posizione migliore Jakobsen che deve faticare più del previsto per avere la meglio di un Gaviria che sembra tornato quello dei tempi migliori. Ottimo quinto posto per German Nicolas Tivan della Corratec che si piazza davanti a Giacomo Nizzolo (Israel – Premier Tech); ottavo posto per Elia Viviani (INEOS Grenadiers) mentre chiude nono Peter Sagan (TotalEnergies).

Rispondi

Commenti Recenti